Spalle alla stazione dei treni di Catania, ci si può immettere nella rotonda antistante il piazzale prendendo a sinistra, oppure, evitando la rotonda, ci si può spostare verso sinistra ed attraversare in prossimità della piccola zona verde (con panchine) e proseguire a sinistra. In entrambi i casi si imbocca una pista ciclabile posta sul marciapiede. Dopo qualche centinaio di metri sul lato opposto della strada c’è un punto acqua. La ciclabile ci accompagna fino ad una rotonda (Piazza Turi Ferro) dove si trova un ciclista – officina biciclette (Ciclo Center, Piazza Turi Ferro 36, 095 311043: si trova un isolato oltre il punto acqua, dunque approssimativamente ad un chilometro circa dalla stazione ferroviaria). Subito dopo si abbandona il percorso riservato alle biciclette e si prosegue per i vicoli cittadini, attraversando la piazza dell’Università, zona pedonale. In pochi chilometri si abbandona la parte storica di Catania, raggiungendo la zona popolare. Qui uno svincolo sembra essere a senso unico: trattandosi di una decina di metri (comunque percorsi da mezzi motorizzati in ambo i sensi – la cartellonistica sembra infatti provvisoria -) si consiglia di proseguire sul marciapiede.

Si attraversa quindi la periferia di Catania: la zona popolare lascia presto posto a grandi strade con traffico anche pesante. In ogni caso si tratta di strade asfaltate in buono stato e con abbondante spazio a destra delle corsie per i mezzi a motore dove si può proseguire il percorso senza ostacolare la circolazione e in tutta sicurezza.

Vi è un sottopassaggio lungo circa un centinaio di metri non illuminato: seppur la luce del giorno non oscura del tutto il tunnel, per prudenza è suggerito disporre la bicicletta di un fanale posteriore (anche solo di posizione). Si costeggia quindi l’aereoporto Fontanarossa (ben visibile sulla sinistra da un calcavia).

In poco più di 10 chilometri si lascia la zona urbanizzata: un cartello informa che si sta entrando nella Riserva Naturale Orientata ‘Oasi del Simeto’ proprio in prossimità di un sovrapassaggio. Da qui in avanti la traccia prosegue lungo strade extraurbane secondarie con basso traffico motorizzato e paesaggio rurale: a mano a mano che ci si allontana da Catania, è possibile trovare il percorso occupato da capi dall’allevamento al pascolo.

L’ultimo tratta di strada affianca una strada a veloce scorrimento, che resta a sinistra: una larga strada poco trafficata accompagna fino ad un sottopassaggio dopo il quale la carreggiata si restringe per gli ultimissimi chilometri.

Il percorso alterna tratti in ombra a zone in pieno sole.

Fatta eccezione per qualche cavalcavia, il percorso è da considerare completamente pianeggiante.

Costante del percorso è l’Etna, per gran parte della strada ben visibile, ora alle proprie spalle ora alla propria sinistra.

Download GPX track below the map!

Scarica

Se sei interessato al percorso ma vuoi avere una guida esperta competente sia di meccanica della bicicletta sia della geografia del territorio, contattaci!!

If you are interested on our ride proposal, please contact us!! We can organized your ride, rent bikes and give to you a mecanichal assistance riding with you!!